La Torre Velasca: un castello moderno che si distingue

0
2354

La Torre Velasca è un grattacielo costruito negli anni ’50 dalla partnership architettonica BBPR, a Milano.

La sigla BBPR nasce dall´unione delle lettere dei suoi architetti: Gian Luigi Banfi, Lodovico Barbiano di Belgiojoso, Enrico Peressutti e Ernesto Nathan Rogers.

Fa parte della prima generazione dell’architettura moderna italiana, pur rimanendo parte del contesto milanese in cui è nata. Anche il Duomo di Milano e il Castello Sforzesco ne fanno parte.

Nozioni base

Alta circa 100 metri, ha una forma particolare e caratteristica simile ad un fungo. Si distingue nello skyline della città, fatto di cupole, palazzi e altre torri.

La sua struttura richiama la tradizione lombarda, fatta di fortezze e torri medievali, ciascuna con un profilo massiccio. In tali fortezze, le parti inferiori erano sempre più strette, mentre le parti superiori erano sostenute da assi di legno o travi di pietra.

Di conseguenza, la forma di questo edificio è il risultato di un’interpretazione moderna del tipico castello medievale italiano.

Allo stesso tempo, BBPR in questo edificio ha soddisfatto le esigenze funzionali dello spazio: superfici più strette sul terreno, più ampie e più spaziose ai piani superiori.

Le leggi urbanistiche, quindi, imposero volumi specifici (a seconda dello scopo degli edifici); la torre rappresenta l´ultimo esempio di edificio a funzione mista, vale a dire ad uso residenziale e commerciale.

Nel 2011, la torre è stata posta sotto protezione come edificio storico.

Progettata per incombere sulle strutture circostanti ad un’altezza di quasi 1.000 metri, doveva essere un’aggiunta importante allo skyline di Milano.

Per questo motivo, fu fondamentale che gli architetti, BBPR, trovassero il modo di fondere il design della Torre Velasca, completata nel 1958, con quello delle bellezze architettoniche classiche della Milano storica.

Il terzo superiore dell’edificio, che sporge verso l’esterno dai livelli inferiori, è stato progettato per assomigliare alle torri di avvistamento medievali. Tali torri di difesa furono utilizzate in tempo di guerra per proteggere i castelli italiani dall’invasione.

Usando la Torre Velasca per costruire le idee dell’architettura antica, BBPR furono in grado di collegare l’edificio moderno al suo passato storico. Di mantenere il design in linea con l´ambiente circostante.

Il materiale in pietra della torre e le travi di sostegno che aggiungono stabilità alla sezione sporgente non solo assomigliano molto alle torri difensive medievali italiane, ma imitano anche alcune delle caratteristiche gotiche delle sue strutture circostanti.

Sintesi tra il passato e il futuro della Torre Velasca

Osservando lo skyline di Milano, è chiaro che i BBPR hanno progettato la Torre Velasca con i suoi dintorni in mente (soprattutto considerando la crescente tendenza verso le facciate continue di vetro nei grattacieli come questo). Tuttavia, il design aveva anche molti importanti scopi funzionali.

Mentre molti edifici più recenti furono costruiti lungo i fronti delle strade della città, la Torre Velasca fu costruita al centro del suo sito in modo da incoraggiare l’uso dello spazio della piazza.

Il fondo stretto della torre non solo consentiva la creazione di tale spazio, ma si adattava anche agli scopi multifunzionali dell’edificio. Gli spazi angusti dei piani inferiori contenevano negozi, uffici e mostre, mentre i piani superiori più spaziosi contenevano appartamenti con viste spettacolari sulla città.

In molte parti della città, la creazione di edifici per uffici era nota in strutture residenziali. Tuttavia, la combinazione di uso commerciale e residenziale nella Torre Velasca aveva lo scopo di prevenire l’indebolimento dei centri cittadini che si verificava in genere quando gli edifici per uffici iniziarono a sostituire quelli residenziali.

Sulla maggior parte degli edifici moderni, schemi di finestre, porte e materiali vengono ripetuti più e più volte.

Tuttavia, sulla Torre Velasca sono stati creati numerosi spazi contenenti pareti vuote, finestre e superfici aperte e riflettenti in vetro.

La critica

Anche se la Torre Velasca è stata criticata per la sua imponenza e per i dettagli intricati che si perdono a causa di esso. Molte persone hanno elogiato il modo in cui la torre è riuscita a collegare il passato di Milano al suo presente.

La sua funzionalità, unita all’attenzione degli architetti per l’ambiente circostante, ha reso la Torre un’aggiunta senza soluzione di continuità, oltre che funzionale all’antica città di Milano.

La Torre Velasca a Milano è stata uno degli edifici più discussi della fine degli anni ’50. Rappresentava una grande icona della transizione ideologica tra coloro che difendevano un rigoroso modernismo (punto di riferimento dello stile internazionale) e l’applicazione della tecnologia nella costruzione, e quelli che invece erano aperti a un modernismo regionale; incorporando riferimenti storici al design.

L’area di trama della Torre Velasca è stata collocata nel centro storico di Milano, vicino alla Cattedrale (Duomo). Questo contesto ha reso la definizione estetica un compito difficile per gli architetti. Le reminiscenze storiche non dovevano confondere l’osservatore, e la sua struttura, lungi dall’essere un progetto superato, costituiva un grande progresso per l’epoca.

Insomma, per molti si pone ancora la domanda: La Torre Velasca rappresenta un elemento discordante nel tessuto di Milano o nega i principi architettonici della contemporaneità?