Torre Unicredit una grande opera di riqualificazione

0
4745
vista di Torre Unicredit
vista di Torre Unicredit

Torre Unicredit è una grande opera di riqualificazione urbana realizzata presso il quartiere di Porta Nuova-Garibaldi, a Milano centro. Con una superficie estesa oltre 290mila metri quadri è fra le più rinomate europee, immediatamente assunta a simbolo del capoluogo lombardo in evoluzione e dell’intero progetto “Piani Città”. Per costruirla sulla base di criteri sostenibili il Gruppo si è affidato ai migliori architetti e materiali.

 

Torre Unicredit: la risposta alle metropoli mondiali

“Anche a Milano, così come per esempio a New York, Hong Kong e Parigi, alcuni edifici entrano a far parte del panorama della città, alla sua memoria e alla storia”, ha raccontato Manfredi Catella, amministratore delegato della società immobiliare responsabile, Hines Italia.

Tre edifici per 230 m di altezza formano l’inedito Quartier Generale del Gruppo UniCredit, disegnato dall’Arch. argentino Cesar Pelli. All’interno vi lavorano quasi 4mila dipendenti. Grazie all’ingegnosa soluzione si riduce il numero di sedi in città da ventisei a sole cinque; per 55mila metri quadri in meno occupati e un risparmio nelle spese immobiliari annue sui 25 milioni di euro.

Si tramuta così in realtà l’iniziativa “take your space”; che accontenta nuove abitudini ed esigenze, conforme alle più avanzate strategie di collaborazione sul lavoro. Ampi spazi di uso comune, oltre ad autoditorium e meeting room, ospitano incontri informali. Le sale allestite presidiano il 30 per cento circa delle superfici complessive; luminose, aperte e completamente trasparenti prendono quasi interamente il posto dei singoli uffici, diventando i nuovi ambienti professionali.

Piazza Gae Aulenti e la guglia

La riqualificazione è stata ultimata dopo una travagliata gestazione: più di venti proprietari si dividevano il terreno. Giunta alla “ricompaginazione degli spazi” (come dichiarato dallo stesso Catella), entro un atipico reticolato urbano ha interessato le aree di Milano Porta Garibaldi, Isola e Varesine. Un insieme di contesti lavorativi e residenziali, ma anche di verdi superfici cittadine. La nuova Torre Unicredit svetta in una vantaggiosa posizione per la mobilità generale, grazie alla confluenza del passante ferroviario, dell’Alta Velocità e di 3 linee metro (Isola, P.ta Garibaldi, Repubblica). Attorniano Piazza Gae Aulenti tre edifici collocati a semicerchio, ritrovo e attrattiva per milanesi e turisti; accolgono, infatti, negozi e ristoranti, dove pranzare pure all’aperto nel periodo estivo e una pista di pattinaggio su ghiaccio durante l’inverno.

Presso l’ingresso sud si trova un’opera acustico-visiva di Alberto Garutti: 23 trombe dorate consentono di sentire i suoni del sottosuolo. Per quanto attiene, invece, la Torre Unicredit, i tre palazzi eco-sostenibili, in vetro e acciaio, portano ad una riduzione del consumo energetico di quasi il 40 per cento: la particolare guglia della struttura principale – sempre più sottile andando verso l’alto – si accende grazie a luci LED, in ricorrenze od occasioni speciali, creando effetti scenografici altamente emozionali. In ascensore si raggiunge in 40 secondi la vetta della torre, alta due volte il Duomo di Milano e quattro volte la Torre di Pisa, è avvistabile dai 10 km di distanza.

I riconoscimenti

Dallo US Green Building Council (USGBC) è stato assegnato alla Torre Unicredit il Leed (acronimo di The Leadership in Energy and Environmental Design), un sistema statunitense di classificazione dell’efficienza energetica e dell’impronta ecologica degli edifici; i criteri tecnici pubblicamente rivisti promuovono e assicurano, in più di 100 Paesi nel mondo, un approccio globale alla sostenibilità.

Nel 2012, la Torre Unicredit si è classificata, inoltre, all’ottavo posto dei dieci palazzi più belli in assoluto secondo Emporis Building, società tedesca. Quell’anno salirono sul podio Absolute World (Canada), Al Bahr Towers (Abu Dhabi) e Burj Qatar (Qatar). L’Emporis Skyscraper Award è un premio per l’eccellenza architettonica che stabilisce ogni anno il “miglior nuovo grattacielo per design e funzionalità”. Per qualificarsi, è necessario che le proposte giudicate vengano terminate nel corso dei 12 mesi e siano alte almeno 100 metri.

Piani Città

Torre Unicredit appartiene al progetto di più ampia portata chiamato “Piani Città”; esso prevede la riorganizzazione di ciascuna sede principale europea del Gruppo (Amburgo, Bologna, Bucarest, Bologna, Milano, Monaco, Mosca, Praga, Roma, Torino, Varsavia, Verona, Vienna, Zagabria) secondo 3 direttrici chiave:

  • consolidamento del numero delle sedi
  • decentramento
  • nuovi standard di occupazione dello spazio

I 25 “Piani Città” riguardano altrettanti centri urbani nelle Nazioni dove il gruppo è operativo, con 25mila colleghi: a livello di Corporate, hanno permesso di liberare 650mila mq.