Ippodromo di Milano: storia, ristorante, come arrivare

0
164
ippodromo di Milano
ippodromo di Milano

L’Ippodromo di Milano (rinominato Ippodromo SNAI San Siro) ha una storia prestigiosa: realizzato nel 1920, è tra i palcoscenici ippici più conosciuti nel panorama mondiale.

Molte competizioni si disputano sui tracciati che lo compongono: quattro per corse in piano, uno per cross country, uno per steeple-chase e uno per corse in siepi.

Una prestigiosa cornice dove hanno trionfato alcuni tra i migliori purosangue di ogni tempo; campioni quali Ribot, Tenerani, Falbrav, Tony Bin e Sirlad. E i fantini non sminuiscono: Enrico Camici, Frankie Dettori e Mirko Demuro vi hanno gareggiato.

Su un’area di circa 1.600.000 metri quadrati, in più di 70 giornate, vengono disputate oltre 500 corse l’anno; il calendario prevede 10 Gran Premi e le corse di Gruppo. L’Ippodromo di Milano vanta un primato, quello di essere l’unico impianto a livello internazionale decretato “monumento di interesse nazionale”.

Leggi anche: Duomo di Milano: come arrivare, storia, ingresso, curiosità.

Ippodromo di Milano ristorante

Prima e dopo i grandi eventi il pubblico può trascorrere del tempo nei locali adiacenti.

Ristorante Canter

il ristorante Canter
il ristorante Canter

Situato presso una palazzina liberty nelle vicinanze del tondino d’insellaggio, il Ristorante Canter richiama l’affascinante storia dell’ippica, in un’atmosfera di modernità e tradizione. Provvisto di un accesso diretto all’Ippodromo di Milano, è aperto dal martedì alla domenica.

Indirizzo: via Pegaso 14
Telefono: 02/48752399
E-mail: info@canter1920.it
Web: www.canter.it

Bouvette di Leonardo

Foto Bouvette Milano
Foto Bouvette Milano

Sulla destra della fontana, in corrispondenza del retro della tribuna centrale, Bouvette di Leonardo accoglie i visitatori. Il bar-ristorante è aperto nei giorni di corse. In primavera è possibile adagiarsi sui divanetti e i tavoli all’aperto, a pochi passi dalla pista.

Indirizzo: Piazzale dello Sport 16

Bar del Turf e Chiosco del Tondino

Per un rapido break tra le varie esibizioni, il Bar del Turf e il Chiosco del Tondino offrono ristoro al pubblico.

First Club Music & Bar

First Club Milano
First Club Milano

Il First Club Music & Bar si anima nel periodo estivo, dall’aperitivo in giardino ad eventi dance nei week-end. Ripartito in tre zone differenti (Zone Dance Floor, Zona Tavoli e Zona Relax), è un punto di riferimento per la movida milanese.

Indirizzo: Piazzale dello Sport 14
E-mail: Milanoinfo@11milano.it
Telefono: +39 335 847 5539 – +39 02 892 816 11
Web: www.firstclubmilano.it

Il cavallo di Leonardo

Statua Cavallo di Leonardo Milano
Statua Cavallo di Leonardo Milano

All’ingresso del Piazzale dello Sport svetta il Cavallo di Leonardo, una delle più imponenti statue equestri costruite.

Nel processo creativo la scultrice americana Nika Akamu si è ispirata agli originali disegni di Leonardo da Vinci. Nel 1482 il genio Toscano, su commissione di Ludovico il Moro, duca di Milano, desiderava dedicare l’opera alla memoria del padre Francesco. Passarono cinquecento anni prima che Charles Dent, un pilota statunitense collezionista d’arte, ne scoprisse la storia. Costituì così la Leonardo da Vinci’s Horse Foundation (Ldvhf).

Attraverso una raccolta fondi Dent raccolse la somma necessaria (2,5 milioni di dollari circa) a edificare la gigantesca statua. Purtroppo però non ebbe mai modo di vederla (morì nel 1994): per poco si dovette dire addio al progetto. E, invece, Frederik Meijer, titolare di una catena di supermercati del Michigan, rilevò la Ldvhf. Successivamente Nika Akamu prese in consegna i lavori: inizialmente diede vita a un modello alto 3 m circa; poi trattò quello definitivo in argilla, alto quasi 8 m, impiegato per creare i calchi data la fusione del bronzo.

La Ldvhf scelse di donare il Cavallo di Leonardo al comune di Milano, purché venisse esposto in un’area gradita, adeguatamente sicura. Tra le varie opzioni a disposizione, la Fondazione optò in favore dell’Ippodromo di Milano. Scisso in sette pezzi, il Cavallo arrivò in città durante l’autunno del 1999; saldate le parti, venne inaugurato in una cerimonia solenne, esposto all’ingresso della tribuna secondaria dell’impianto.

Visitare l’Ippodromo di Milano: come raggiungerlo

In auto:

  • Autostrada A8 (Milano – Varese): uscita casello Milano, direzione Milano Centro/Viale Certosa, seguire per San Siro;
  • Autostrada A4 (Torino-Trieste): da Trieste, direzione Milano Centro, uscire Viale Certosa, e proseguire in direzione San Siro; da Torino, prima del casello di Milano proseguire verso Linate, uscire a Settimo Milanese/Via Novara e poi per San Siro;
  • Autostrada A1 (Milano – Roma) superare la “barriera” di Melegnano, tangenziale ovest, uscire a Settimo Milanese/Via Novara e proseguire verso San Siro.

Con mezzi pubblici:

  • Utilizzare la linea metropolitana M5 (“linea lilla”) e scendere alla fermata San Siro Ippodromo di Milano. Proseguire a piedi lungo via Aldobrandini verso Nord sino a Piazzale dello Sport (distanza circa 600 metri, a piedi 7 minuti circa);
  • In alternativa, utilizzare la metropolitana M1 (“linea rossa”), scendere alla fermata Lotto. Proseguire a piedi lungo via Caprilli sino a Piazzale dello Sport (distanza circa 1,2 km, a piedi 15 minuti circa).

    Sito Ufficiale

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui