Palazzo Mezzanotte: storia, curiosità, Borsa Italiana

0
62
Palazzo Mezzanotte
Palazzo Mezzanotte

Il Palazzo Mezzanotte, conosciuto anche come Palazzo della Borsa è un fabbricato del 20 ° secolo e la dimora della borsa italiana. Situato nella ben conosciuta Piazza Affari, il centro cittadino che definisce la borsa italiana stessa.

Il titolo “Palazzo Mezzanotte” è un omaggio a Paolo Mezzanotte, l’artista che concepì la struttura.

Nozioni base del Palazzo Mezzanotte

La borsa originale di Milano fu fondata nel 1808. L’anno seguente fu trasferita a Palazzo dei Giureconsulti, in Piazza Mercanti, e all’inizio del XX secolo fu nuovamente trasferita in un edificio di nuova costruzione in Piazza Cordusio.

Questo edificio oggi ospita la sede del servizio postale Poste Italiane, ribattezzato così Palazzo della Posta. Nel 1925, le autorità comunali di Milano lanciarono un progetto per un nuovo edificio più grande per lo scambio di azioni.

L’architetto Paolo Mezzanotte

L’architetto Paolo Mezzanotte iniziò la sua progettazione del Palazzo Mezzanotte nel 1927, e i lavori di costruzione iniziarono nel 1929. Le rovine di un teatro romano furono scoperte durante gli scavi e ciò ritardò la costruzione.

Una lapide che mostra la mappa di quelle rovine è ora apposta su una delle pareti esterne del palazzo. L’edificio fu completato nel 1932. Alla sua inaugurazione, si qualificò come l’edificio tecnologicamente più avanzato in Italia.

interni del Palazzo Mezzanotte oggi
interni del Palazzo Mezzanotte oggi

E’ stato il primo edificio ad implementare un pulsante di chiamata singolo che controlla diversi ascensori, aveva già allora anche l’aria condizionata e ospitava il più grande display elettrico dei tempi (in Italia) dove le quotazioni azionarie venivano aggiornate in tempo reale.

L’edificio ha una monumentale facciata alta 36 m, in uno stile che mescola architettura del Novecento e neoclassicismo; è realizzato in marmo e travertino e decorato con sculture di Leone Lodi e Geminiano Cibau.

La sala principale del palazzo venne chiamata “sala delle grida“, poiché gli uomini d’affari urlavano lì le loro offerte per comprare e vendere le loro “azioni”.

Sala delle grida Palazzo Mezzanotte Borsa Italiana
Sala delle grida Palazzo Mezzanotte Borsa Italiana

Si tratta di una stanza illuminata da una grande rete, apposta al soffitto, che riproduce le costellazioni nella sfera celeste. La situazione cambiò dagli anni ’90 in poi, momento in cui tutte le attività finanziarie iniziarono ad essere svolte da un terminale remoto tramite la rete e la stanza perse così la sua funzione originale; ora è principalmente usata per ospitare conferenze.

 

Leggi anche: Stanza in affitto Milano: come trovarla, prezzi, zone ricercate e Consigli.

L.O.V.E

E per i più curiosi che si trovano a visitare Milano e il Palazzo Mezzanotte, ecco una piccola escursione in una delle, per così dire, “opere d’arte alternative”. Di cosa stiamo parlando? Naturalmente della gigantesca statua del dito medio posta di fronte al palazzo e che invia un messaggio inequivocabile ai banchieri italiani.

Statua L.O.V.E Milano
Statua L.O.V.E Milano

E mentre New York celebra il potere e l’ottimismo di Wall Street con la statua di un toro in carica nel Financial District di Manhattan; Milano, che d’altra parte è un po’ più disillusa sui meriti del mondo finanziario, lancia un messaggio un po´ diverso.

E già, al centro di Piazza Affari, la piazza di Milano dove ha sede la Borsa italiana, si trova una statua in marmo raffigurante una mano con il solo dito medio in alzato. Se la si guarda da vicino, è possibile vedere che le altre dita non sono flesse, ma sembrano tagliate. Tuttavia, l’impressione è la stessa: un “****” inequivocabile messaggio per il mondo dei banchieri e dei CEO.

 

La statua reca il titolo di L.O.V.E., che sta per Libertà, Odio, Vendetta, Eternità. E’ stata creata nel 2010 dall’artista italiano Maurizio Cattelan, noto per le sue provocatorie opere. La scultura sarebbe dovuta rimanere in Piazza Affari solo per un paio di settimane, ma il governo della città decise di tenerlo lì definitivamente.

Cattelan non ha mai commentato il significato della statua, ma molti ritengono che si riferisca alla crisi economica che ha colpito l’Europa – e in particolare l’Italia – dal 2008 in poi. Alcune persone notarono che, se non fosse stato per le dita mozzate, la statua mostrerebbe il famigerato saluto fascista, e questo può essere interpretato come una dichiarazione politica. Si adatta anche al fatto che la borsa italiana ha sede a Palazzo Mezzanotte, un edificio di epoca fascista. Piazza Affari si trova nel quartiere degli affari di Milano, che non è sicuramente una destinazione turistica, ma la gente continua a fare una deviazione per vedere e ridere della statua.

A proposito di Cattelan – La pratica artistica personale di Cattelan gli è valsa la reputazione di burlone della scena artistica. Tutte le sue opere hanno un tocco umoristico. La prima opera di Cattelan è stata segnalata come opera d’arte fotografica nel 1989 dal titolo “Lessico Familiare”, un autoritratto incorniciato in cui è raffigurato mentre forma un cuore di mano sul petto nudo.

Nel 1999 ha iniziato a realizzare effigi in cera a grandezza naturale di vari soggetti, incluso se stesso. Una delle sue sculture più famose, La Nona Ora (1999) consiste in un’effigie di Papa Giovanni Paolo II in costume da cerimonia completo schiacciato da una meteora.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui