Quartiere Varesina Milano: dal nome della strada Varesina

0
336
quartiere Varesina Milano
quartiere Varesina Milano

Un nome che è tutto un programma. Il quartiere Varesina, sito nell’hinterland nord-ovest di Milano, deriva da strada della Varesina, ovvero colei che congiunge il capoluogo lombardo con Varese. Esteso da piazzale Accursio allo svincolo di viale Certosa, avente per asse centrale viale Espinasse, il quartiere si è sviluppato con praticamente nessuno spazio verde. 

Come periferia industriale della città, il territorio è altamente urbanizzato, costituito da case, palazzi, uffici di medie dimensioni (vecchi e recenti), piccole e medie imprese. Attualmente la parte industriale è in corso di trasformazione. Dalla zona si accede ad altre di importanza strategica: 

  • il centro urbano tramite viale Certosa, che più avanti diventa corso Sempione;
  • a nord della ferrovia Milano-Torino: Quarto Oggiaro, l’area di Expo 2015 e dunque la Strada statale 233;
  • il cimitero maggiore e quindi la Stradale statale 33 del Sempione;
  • l’Autostrada A4 Torino-Venezia e l’Autostrada dei Laghi. 

**Hai mai visitato il quartiere Villapizzone di Milano?**

 

Varesina presidia parzialmente la superficie dell’ex Musocco

Il quartiere Varesina presidia parzialmente la superficie del comune Musocco, soppresso nel 1923. Con la costruzione di tre grandi vie, dopo la metà del XIX secolo i vecchi centri sono stati distintamente separati. Il nuovo viale di accesso all’Autostrada dei Laghi taglia Garegnano in due, lasciando il borgo delle case da una parte e la Certosa dall’altro. Tale ripartizione si fa più netta nel momento in cui il viale diventa ponte, con la realizzazione nel 1960 del Cavalcavia del Ghisallo.

 

Allo scioglimento del comune di Musocco, il quartiere ingloba:

  • le abitazioni lungo la strada della Varesina;
  • il borgo di Garegnano;
  • lo storico nucleo attorno a piazzale Santorre di Santarosa;
  • il viale d’accesso dell’Autostrada dei Laghi. 

 

Centro del quartiere

Piazzale Santorre di Santarosa, con la vicina chiesa di viale Espinasse, compone il centro del quartiere. Il luogo ecclesiastico, progettato dall’Arch. Mario Tedeschi, con facciata a rilievo eseguita dallo scultore Carlo Ramous, è dedicato a San Giuseppe e Santa Marcellina. Il piazzale antistante, adibito a parcheggio fino alla fine dello scorso secolo, è stato sistemato a giardino. Un punto ricreativo con annessa una piccola area verde, un campo da calcio e uno spogliatoio. Gli esercizi commerciali sono concentrati in viale Espinasse. 

**Conosci la storia di viale Monza a Milano?**

 

Industria

Dagli anni Trenta in avanti il boom industriale ha attirato nel quartiere Varesina le prime imprese, piccole e medie, con palazzine e laboratori di modeste dimensioni. La facilità di accesso per i lavoratori e la possibilità di trasportare merci senza dover necessariamente attraversare la città ha contribuito all’interesse suscitato. Nel corso del tempo, soprattutto dagli Anni 60 in poi, le piccole aziende sono state chiuse, riconvertite o delocalizzate. Si è assistito in tal modo ad un passaggio graduale a fabbricati tecnologicamente più evoluti e di dimensioni maggiori.  

La crisi degli anni Duemila ha accelerato il cambiamento per Varesina, creando aree dismesse. Una parte riconfigurata in nuovi uffici o in abitazioni, con una predisposizione alla verticalità. In generale si accusa l’assenza di una fermata metropolitana. 

In via Montefeltro, la storica sede di Dainelli è stata sostituita da un moderno grattacielo a vetrate, ospitante uffici del Gruppo Binda. Della presenza della vecchia attività rimangono esclusivamente le aiuole curate lungo via Barnaba Oriani. Tra i nuovi complessi si segnala, al numero 6, Euronics. In via Ludovico di Breme, l’albergo Double Tree, del gruppo Hilton, è stato ultimato nel 2010, al posto della ridimensionata Italtriest. Seppur di passaggio la notevole presenza straniera ha vivacizzato il quartiere. 

In via Alassio 10 Casaforte, un hotel delle cose subentra a Pelikan. A livello complessivo, l’interno del quartiere è un insieme di case e di palazzi aziendali dal 1980; mentre l’area attorno a viale Espinasse ha visto trasformazioni meno radicali. 

**Malpensa: l’aeroporto principale di Milano**

Edifici di rilievo

Presso il quartiere Varesina sono presenti edifici di rinomato valore. In piazzale Santorre di Santarose si trova:

  • il Monumento ai caduti di Musocco, inaugurato nel 1924 con i nomi delle vittime durante la Prima Guerra Mondiale, e restaurato nel 2008;
  • la vecchia sede del comune di Musocco, diventato nel tempo pure Case del Fascio e in seguito della Croce Verde Sempione. 

In viale Espinasse (angolo viale Certosa) è stata realizzata nel 1951 la stazione di rifornimento Agip. Opera dell’Arch. Mario Bacciocchi, tuttora esistente ma utilizzata solo in parte, unisce l’angolo retto dei due viali; ricordando quella di una nave che si eleva dal manto stradale, conferendo un senso di dinamismo e di plasticità. Per le sue peculiarità è ritenuta di pregio architettonico.