Mascherina e movida, per il terzo fine settimana di fila vige l’obbligo di indossarla

0
217
Mascherina

Mascherina e movida un connubio che non piace a molti ma che purtroppo si rispetta per legge ancora per questo fine settimana. Si tratta del terzo. Si soffre, soprattutto nelle zone in cui l’estate è già iniziata.

L’obbligo prosegue ancora per un week-end per prevenire una seconda ondata di contagi che questa volta non lascerebbe scampo. Ma attenzione perché l’obbligo sarà in vigore soltanto fino a lunedì 15 giugno. Almeno per adesso la mascherina va indossata nel modo corretto coprendo naso e bocca in tutte le zone soprattutto dove c’è il rischio di assembramenti. Zone di mare, centro storico e ovviamente in qualunque zona di movida.

Week-end e mascherina, i giovani si rifiutano ma chi trasgredisce viene multato

Week-end e mascherina obbligatoria, i giovani continuano a rifiutarsi ritenendo quest’obbligo inutile oppure proprio adesso, quando i numeri dei contagi stanno diminuendo si ritiene fondamentale.

In realtà il popolo sembra essersi diviso perché tra coloro che non hanno voglia di indossarla anche essendo a rischio multa, c’è anche chi avendo paura del virus afferma di volerla utilizzare anche dopo l’estinzione dell’obbligo. Si tratta di un senso di sicurezza, un modo per essere tranquilli o fingere di essere al sicuro.

I bambini esclusi dall’obbligo per non compatibilità con l’uso della mascherina

Gli unici esenti sono i bambini di età inferiore ai 6 anni, e tutti coloro che sono affetti da disabilità. Per ovvie ragioni nonostante siano anche la categoria a rischio, i disabili sono esenti perché le loro condizioni sembrano essere incompatibili con gli obblighi.

Stessa cosa vale per coloro che praticano sport e attività motoria all’aperto, diversamente da una semplice passeggiata.

Nei negozi ancora obbligo di indossare i dispositivi di sicurezza, soprattutto nei negozi di alimentari o supermercati, ortofrutta. Nel frattempo la linea di contagi è tornata a salire, la preoccupazione aumenta mentre si iniziano a ridurre gli obblighi e si cerca di tornare alla vita normale.