Nuovo Ecobonus, in arrivo le maxi detrazioni fiscali

0
355
nuovo ecobonus
nuovo ecobonus

Il nuovo Ecobonus sarà pieno di sorprese, e molti degli assistiti di ogni amministratore di condominio a Milano, e nel resto d’Italia, si chiedono in che cosa consisterà.

Questo Ecobonus consentirà, a partire dal prossimo 1° luglio, di accedere ad una detrazione fiscale pari al 110% delle spese sostenute entro il 31 dicembre del 2022 per quello che sarà l’efficientamento energetico degli immobili.

La manovra è stata inserita nel Decreto Rilancio, ed è ora reale, avendo come obiettivo sia l’aiuto alle famiglie, sia il rilancio del settore dell’edilizia, che è stato toccato in modo molto negativo dallo stop determinato dal Coronavirus.

Nuovo Ecobonus ecco le regole

Il nuovo Ecobonus si affianca a quello precedente, che comunque rimarrà in vigore fino alla fine del 2021 per quelle che saranno le opere realizzate in condominio, e continuerà ad essere applicato, anche fino a fine anno, per gli interventi nelle singole unità immobiliari.

La nuova manovra, come potrà spiegare ogni amministratore di condominio Milano e nel resto d’Italia, consentirà di estendere l’agevolazione fino al 110% rispetto a quelle che erano le percentuali precedenti, che andavano dal 50 fino al 75%.

Inoltre, con il nuovo Ecobonus sarà possibile anche andare ad accorciare le tempistiche previste per i rimborsi da parte del Fisco. La divisione, infatti, delle rate avverrà non più in 10 anni ma in cinque. Si applicano, invece, regole diverse per quelli che sono i soggetti che potranno accedere al bonus e anche per le tipologie di immobili che saranno interessate.

Il nuovo Ecobonus, infatti, potrà essere attribuito solamente alle persone fisiche, e potrà riguardare le abitazioni che siano e costituiscano la prima casa per il soggetto che effettui la richiesta.

Nuovo Ecobonus, gli interventi compresi

Il nuovo Ecobonus si potrà applicare, in primo luogo, agli interventi per la coibentazione degli edifici. Questi, per poter rientrare nella casistica prevista, dovranno riguardare almeno il 25% della superficie esterna degli edifici stessi.

Si prevede, inoltre, un tetto massimo per la detrazione pari a 60 mila euro per ogni unità immobiliare, sia nel caso in cui si tratti di una casa indipendente, sia per gli appartamenti che siano presenti nei condomini. Il limite di spesa scende fino a 30 mila euro per la singola unità immobiliare nel momento in cui si faccia riferimento alla sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale.

Si vedono anche agevolazioni, che potranno arrivare fino al limite di spesa di 48 mila euro per ogni unità immobiliare, per le attività di installazione dei pannelli fotovoltaici. Tuttavia, per poter ottenere il bonus sarà necessario, in questo caso, realizzare gli interventi insieme ad altre forme di intervento agevolato.

In questo caso, per poter accedere al nuovo Ecobonus sarà essenziale che l’intervento possa portare al miglioramento di almeno due classi di prestazione energetica per l’edificio.

Così come potrà assicurare ogni amministratore di condominio a Milano e nel resto del nostro Paese, si potrà ottenere il nuovo Ecobonus anche nel momento in cui ci si occupi dell’installazione di colonnine per la ricarica delle vetture elettriche.

Leggi anche l’articolo che parla dei lavori straordinari in condominio

Rientrano nel bonus maggiorato anche gli interventi che consentano il consolidamento statico degli edifici per la protezione antisismica. All’interno delle spese che potranno essere sottoposte al bonus rientrano anche i costi sostenuti per i professionisti, ad esempio per le consulenze e i progetti.

Un unico neo riguarda le modalità con le quali sarà possibile accedere al bonus, perché si indica una maggiore burocrazia rispetto al passato. Infatti, per pagare le fatture si potrà utilizzare in modo esclusivo il bonifico parlante. La documentazione, poi, dovrà essere inviata all’Enea utilizzando la forma telematica, con l’aggiunta di una relazione che indichi la congruità dei costi sostenuti.