Giorgio Armani dona fondi agli ospedali

0
263

Giorgio Armani dona un milione e 250mila euro agli ospedali per contenere l’emergenza coronavirus

Giorgio Armani dona un milione e 250 mila euro, per gli ospedali che sono alle prese con l’emergenza coronavirus. E’ un momento molto importante quello che sta avvenendo in Italia. Infatti, la diffusione del coronavirus sta mettendo in ginocchio le strutture sanitarie dell’intero paese e si tratta di una situazione molto particolare che deve fare i conti anche con delle carenze strutturali degli ospedali italiani. Grazie però anche all’aiuto di personaggi famosi come Armani, si ha l’occasione di poter puntare su un potenziamento delle strutture. In particolare, il gruppo Armani ha donato un milione e 250mila euro all’ Ospedale Luigi Sacco, al San Raffaele, all’istituto tumori di Milano nonché allo Spallanzani di Roma e anche per dare supporto alle attività della protezione civile per fronteggiare l’emergenza covid 19.

La donazione di Giorgio Armani per l’emergenza

Per gestire l’emergenza Covid 19, Giorgio Armani ha deciso di fare questa donazione. Infatti, l’obiettivo è quello di dare supporto alle strutture ospedaliere che sono in prima linea in questo, particolare momento. In pratica, si tratta di un importante sistema per cercare di dare sollievo a quanti stanno dando se stessi in prima persona per fronteggiare questa emergenza. In merito al coronavirus, la situazione è davvero molto delicata con l’intera Italia che è stata messa praticamente sotto delle forti misure restrittive.

Altre donazioni per gli ospedali italiani

Intanto, si è deciso di mettere in campo una serie di azioni per salvaguardare gli ospedali italiani. In particolare, dopo la donazione di un milione e 250mila euro di Giorgio Armani, anche i fondi delle restituzioni dei parlamentari del Movimento 5 Stelle saranno donati per questa emergenza. Stesso discorso per i Ferragnez che hanno donato 100 mila euro, proprio per rispondere a questa particolare emergenza. Insomma, tutti stanno cercando di fare la loro parte anche con delle Campagne web dove dicono la loro in merito a questa vicenda.