Boss Francesco Pelle: nuovamente latitante dopo l’ergastolo

0
124
boss Francesco Pelle

Il boss Francesco Pelle è nuovamente sparito, il suo è il nome più forte della faida di San Luca ed aveva l’obbligo di residenza a Milano. A quanto pare questo non è stato rispettato dato che non si sa più dove si trova.

Così è stata aperta la caccia al boss Francesco Pelle soprannominato Ciccio Pakistan, feroce capo dell’Ndrangheta che da almeno un paio di settimane è riuscito a far perdere le tracce. La Cassazione circa 14 giorni fa aveva rigettato il ricorso contro la condanna all’ergastolo quindi ecco spiegato perché al momento è latitante.

Boss Francesco Pelle, l’inizio di una faida che sembra non avere fine

Negli ultimi vent’anni di stragi sull’Aspromonte sono legate a doppio filo a Francesco Pelle, la lunga serie ha avuto inizio nel 2006 quando mentre era affacciato dal balcone di casa con il figlio in braccio, un sicario gli ha sparato contro cercando di ucciderlo.

Non ci è riuscito ma lo ha costretto da quel giorno in poi alla sedia a rotelle. Il boss non ha ovviamente accettato il gesto vigliacco e cova dentro rabbia e sete di vendetta da quella sera fino ad oggi.

Ecco che ogni anno il 25 dicembre porta a termine la sua faida con un certo carico simbolico commettendo reati di tale gravità. Il boss è stato arrestato nel 2008 in ospedale a Pavia, lì era stato ricoverato per seguire le cure portando con sè i segni dell’agguato degli anni precedenti.

Nel 2014 ha poi subito la condanna all’ergastolo non accettata, così un anno fa c’è stato il ricorso in cassazione. Successivamente l’uomo è uscito dal carcere con l’obbligo di dimora a Milano fino alla sentenza, che è stato a tratti rispettato. Adesso con l’arrivo della sentenza è arrivata la punta del Boss Francesco Pelle del quale si sono totalmente perse le tracce.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui