Broken Nature a Milano

0
182
broken nature

Paola Antonelli si è occupata dello studio e dell’organizzazione del Broken Nature, un evento che popolerà Milano.

L’evento è stato organizzato in modo parecchio attento e dettagliato per far sì che la mostra internazionale che ha impegnato la bellezza di 24 Paesi provenienti da tutti i continenti per una tematica comune ovvero l’uomo e l’ambiente riesca nel migliore dei modi.

Broken Nature: il futuro del pianeta ci preoccupa

Il futuro del nostro pianeta ci preoccupa, più si va avanti più la popolazione rovina tutto ciò che gli sta intorno senza porsi alcuna domanda circa le generazioni che arriveranno a seguire o i danni provocati all’ambiente senza un vero e proprio motivo.

Ad ogni modo sono stati presentati tanti progetti al Broken Nature sia per quanto riguarda l’architettura che per il design ed in occasione di questo evento si è ricominciato a parlare proprio del “design ricostituente”, e del rapporto a rischio tra gli esseri umani e gli ecosistemi sociali e natural.

La mostra tematica raccoglie un centinaio di installazioni e oggetti, che hanno a che fare con l’architettura, l’uomo ed il design contemporaneo mettendo insieme tutti i lavori che sono stati commissionati proprio per quest’occasione con la proposta di idee creative anche per quanto riguarda il riciclo dei rifiuti elettronici o l’uso della melanina in architettura.

Broken Nature, verranno premiati i 3 progetti migliori

Le varie partecipazioni internazionali hanno invece elaborato in merito a quest’evento delle proposte che mirano alla diversa realtà di provenienza sia per quanto riguarda la cultura che per quanto riguarda la tradizione. Alla fine di tutto ciò ci sarà una giuria che premierà i 3 progetti migliori.

La mostra multimediale “La Nazione delle piante”, tramite l’osservazione del mondo vegetale permette all’uomo di apprendere le capacità di adattamento e di integrazione negli ecosistemi facendo un rapporto, un confronto rapido con ciò che riguarda invece l’uomo.

Anche in questo caso infatti le piante ci dimostrano di essere organismi molto più intelligenti, sensibili, capaci di memoria e di comunicazione rispetto all’uomo. Quindi perchè si è scelto di svolgere XXII edizione dell’’esposizione internazionale dedicata al design e all’architettura?

Perchè tutto questo è diventato oggi fondamentale per elaborare delle nuove strategie che permettano al mondo intero di affrontare qualunque tipo di problema diventato ormai un’emergenza globale.

Articolo precedenteBerlusconi è stato operato
Articolo successivoMarco Mengoni a Milano
Avatar
Sicula doc anche se nata a Berlino, blogger affermata, estremamente curiosa, appassionata sin da ragazzina di scrittura e tecnologia, praticamente il suo pane quotidiano. Equilibrio sopra ogni cosa, senza pregiudizi e non teme i giudizi altrui, in grado di portare a termine importanti affari. Gli vengono riconosciute capacità intuitive

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui