Parco dell’Acqua Milano a est del quartiere Rubattino

0
886
Parco dell'Acqua Milano Parco Lambretta
Parco dell'Acqua Milano Parco Lambretta

Sorto a est nel quartiere Rubattino, il Parco dell’Acqua è uno spazio verde piuttosto suggestivo, costruito dove si trovavano le industrie meccaniche dell’Innocenti-Maserati. Qui fino al 1993 si producevano componenti di auto della Innocenti; la fabbrica occupava una superficie decisamente estesa: andava da ovest (in via Riccardo Pitteri) a est, sino al confine col comune di Segrate, frazione Redecesio. 

Occorreva contemperare le preesistenti esigenze residenziali con quelle del recupero di edifici e strutture. Nel contempo dotate di servizi e di verde a un livello appropriato al recupero dell’intera superficie. 

 

Parco dell’Acqua: prima realizzazione la tangenziale est

Il primo passo degno di nota fu la tangenziale est (A51): realizzata nel 1971, aprì definitivamente al pubblico due anni più tardi. Attraversando il tratto sopra le industrie automobilistiche al Rubattino, si scelse di costruire una sopraelevata cosicché l’impianto non subisse danni. Vicino alla tangenziale scorre tuttora il fiume Lambro, costretto sempre in un percorso rettilineo in modo da permettere gli stabilimenti industriali sui bordi. 

Nel 1993 l’industria Innocenti-Maserati cessò l’attività e immediatamente l’amministrazione comunale si preoccupò di ripensare e riqualificare la zona. Nel 1997 indisse un concorso d’idee per un Piano di Riqualificazione (complessivo). Dal cosiddetto P.R.U. Rubattino emerse l’idea di creare, al centro dell’insediamento residenziale, del nuovo spazio verde di 110mila metri quadrati. 

Così, avvenute le bonifiche, nel 2004 fu inaugurato tale parchetto collocato sotto la tangenziale. Inizialmente doveva dividere le due parti del progetto, ma alla fine si optò per porre semplicemente termine all’intervento di trasformazione: la seconda parte, quella a est, ancora oggi è incompiuta.

 

Innocenti-Maserati

La Innocenti è stata una delle case automobilistiche più celebri, costituita nel 1933 a Milano da Ferdinando Innocenti. Già noto per aver inventato i famosi tubi da impalcature, utilizzati tuttora, l’imprenditore toscano avviò le attività nello stabilimento di Lambrate, ed allargò il raggio d’azione in altre parti del mondo, come in Sud America. 

Tra gli esemplari di maggiore successo c’è sicuramente la Lambretta, prodotta dal 1947 al 1972 a Lambrate, subito dopo l’inizio della Seconda Guerra Mondiale, durante la quale l’impianto finì distrutto nei bombardamenti. La produzione di auto, avviata nel 1960, non raggiungerà mai il successo ottenuto con gli scooter.

 

Paesaggio naturalistico

Progettata dall’architetto Luigi Caccia Dominioni, la piazza è caratterizzata da una fontana monumentale e dal laghetto a sbalzo sul Lambro e sotto la tangenziale, collegato dal lungo Boulevard verde, il “viale dei platani”, alla via Riccardo Pitteri; qui c’è spazio per più di 56mila metri quadrati di alberature isolate, prati, larghe macchie di cespugli intersecati da percorsi ciclabili e pedonali. 

Le aree da gioco per i bambini sono sei, mentre sono due quelle riservate ai cani. Nelle zone boschive sono coltivati: acero campestre, carpino bianco, frassino maggiore, ontano, orniello, pioppo cipressino, platano comune, quercia, robinie e salice bianco. 

Intanto alcune varianti al Piano di Riqualificazione Urbano hanno modificato la destinazione d’uso degli edifici sopravvissuti degli antichi stabilimenti, adesso impiegati come sede o residenza universitaria. Ciò favorisce l’ampliamento degli spazi verdi che, al completamento dei lavori, sono cresciuti ad una superficie di 320mila metri quadrati. Nel settembre del 2019 il Parco dell’Acqua ha cambiato denominazione, diventando Parco della Lambretta. 

 

Da Parco dell’Acqua a Parco della Lambretta

Questo il comunicato ufficiale diramato dal Comune di Milano:

“Inaugurati il Parco della Lambretta e la Passeggiata Monsignor Vergani. Le due intitolazioni si sono svolte oggi, nell’ambito della Milano Green Week, alla presenza degli assessori Filippo Del Corno (Cultura) e Pierfrancesco Maran (Verde).

Si trova tra via Caduti di Marcinelle via Caduti in Missione di Pace il nuovo Parco della Lambretta, l’area verde attualmente conosciuta con i nomi Parco dell’Acqua/Maserati/Rubattino. L’intitolazione dell’area, proposta dal Municipio 3, è fortemente significativa per il quartiere e per l’intera città, poiché proprio dagli stabilimenti ex Innocenti situati accanto all’area verde, dal 1949 al 1972 è stato progettato e prodotto lo scooter Lambretta, conosciuto in tutto il mondo.

Dal Municipio 3 al Municipio 2. Su proposta del Comitato Precotto, la nuova area pedonale posta tra viale Monza e via Don Bigiogera è stata intitolata a Monsignor Egidio Vergani. Dopo un primo incarico presso la Parrocchia di S. Maria del Buon Consiglio alla Bovisa,  dove aiutò a ricostituire l’attività della normale vita oratoriana dopo gli anni della guerra, nel 1964 don Vergani fu nominato parroco a San Michele Arcangelo in Precotto dal Cardinale Colombo. Qui prestò un’attenzione particolare ai più deboli e bisognosi e contribuì fortemente alla realizzazione del nuovo oratorio, alla sistemazione e all’illuminazione del campo sportivo. Fu nominato Cappellano d’onore di Nostra Signora di Lourdes  nel 1984, mentre nel 1997 ricevette da papa Giovanni Paolo II la nomina di Prelato Onorario”.

 

 

 

Articolo precedenteNegozi abbigliamento vintage a Milano
Chief Editor per il giornale online Unitremilano. Dopo le classiche esperienze scolastiche e lavorative si affaccia nel 1999 al mondo internet con un suo primo blog personale. Successivamente da il via una ad una serie di progetti importanti sulla rete. Lo descrivono come una persona tenace.