Proroga della sospensione degli spettacoli pubblici

0
322

Proroga della sospensione degli spettacoli aperti al pubblico in particolare al Teatro Pugliese ma anche in tutti gli altri teatri d’Italia. 

A causa del coronavirus infatti la stagione teatrale è stata posticipata, bloccata sin dall’inizio, non appena è stato messo il primo decreto. Cosi come è avvenuto per l’apertura e la chiusura di tutti i negozi e delle varie attività non ritenute di fondamentale importanza.

Proroga della sospensione degli spettacoli, possibile chiedere rimborsi o attivare voucher

Proroga della sospensione degli spettacoli teatrali in programma nei vari teatri d’Italia messi in pausa ancora non si sa per quanto tempo. Almeno per adesso sappiamo che i teatri e i cinema resteranno chiusi fino al 3 maggio 2020 ma niente è ufficiale. Siamo infatti ancora a metà aprile, le cose possono continuare a cambiare nelle prossime settimane, prima di arrivare alla data appena citata.

Ad ogni modo coloro che avevano già acquistato i biglietti, gli abbonamenti, i ticket potranno conservare il tutto e partecipare quando gli spettacoli saranno riprogrammati. I teatri daranno comunicazione in tempo, in modo che si potrà scegliere se chiedere il rimborso di abbonamenti, titoli o biglietti, oppure fare utilizzo dei voucher.

Voucher non accettati in qualche teatro d’Italia

A proposito dei voucher, il teatro pubblico Pugliese ha comunicato che quest’ultima procedura non sarà disponibile per le stagioni teatrali di Fasano, Roma, Castellaneta, Vignola, Norba. Ogni città comunica quali teatri non hanno accettato di mettere in pratica quest’opzione.

Purtroppo non si tratta soltanto di teatro e cinema, ma anche di palestre e tutto ciò che è permette di staccare abbonamenti, buoni ecc anche a lunga scadenza, quindi annuali. Si pensi per esempio a tutti gli asili, già pagati con largo anticipo, che non avranno la possibilità di emettere rimborsi.

Il virus sta creando non pochi problemi e disagi, L’Italia è in ginocchio e rialzarsi quando tutto questo sarà finito sarà davvero un bel problema.