Parco La Spezia Milano: tra vegetazione di ogni tipo ed attività sportive

0
336
Parco La Spezia Milano
Parco La Spezia Milano

Adatto alla sosta e ad attività ricreative come quelle sportive, il Parco La Spezia ha beneficiato negli ultimi anni di importanti donazioni. Area verde del Municipio 6, subito a nord della fermata della metro Famagosta, è delimitato dalle via La Spezia (a est) e Moncucco (a ovest). Nell’estremità nord giunge in prossimità della circonvallazione esterna. 

 

Parco la Spezia vincolata alla Cascia Moncucco

Il Parco La Spezia vede la luce nel 1975, in un’area rimasta libera poiché vincolata alla presenza della Cascina Moncucco, dopo la costruzione negli Anni 60 del quartiere Famagosta. Quattro anni più tardi, in occasione dell’anno internazionale del bambino, viene allestito all’interno una struttura per le attività sportive e aggregative al coperto. Sopravvivrà alla contingenza e diventerà centro aggregativo multifunzionale, oggi suddiviso per zone e diramato in tutta Milano con obiettivi non più riguardanti esclusivamente l’infanzia. 

La Cascina Moncucco vanta una lunga storia, già indicata nella carta di Giovanni Battista Clarici col nome di “cassina monchucco” nel XVII secolo col nome. Successivamente apparso nel catasto teresiano, ha la forma di corte ed è caratterizzato dall’edificio padronale e dal mulino, azionato da una roggia derivata dal Lambro.

Tra le numerose specie arboree si ricordano: l’abete, l’acero argentato, l’acero di monte, l’acero riccio, l’albero dei sigari (o catalpa bignonioides), l’albero dei tulipani, il bagolaro, il carpino bianco, il cedro dell’Himalaya, il ciliegio da fiore, la farnia, il liquidambar, l’ontano bianco, l’ontano nero, l’orniello, la paulonia, il pioppo bianco, il pioppo cipressino, il platano comune, la quercia rossa, il tiglio selvatico. 

Lasciato per molti anni in colpevole stato di abbandono, l’amministrazione comunale, che ne è la proprietaria, bandì nel 2001 una gara. In cambio del restauro mai avvenuto avrebbe riconosciuto la concessione gratuita. Solo una sezione laterale, all’altezza del civico 29 di via Moncucco, è stata assegnata. Grazie al lavoro dell’associazione Colore e dei suoi volontari è stata riqualificata e destinata ad attività di promozione sociale. 

Civico 29 di via Moncucco a Milano
Civico 29 di via Moncucco a Milano

Recentemente l’area antistante la Cascina è stata annessa al Parco La Spezia; sono state rinnovate le aree da gioco esistenti e si è costruita la recinzione completa con orari di chiusura notturni. Un ulteriore piano, che non ha però ancora trovato attuazione, riguarda l’espansione della superficie verde verso nord. Esso prevede lo smantellamento del parcheggio che separa il giardino da largo Nuvolari. 

 

Le attrezzature

Tra le attrezzature vi sono due aree da gioco per bambini di cui una alquanto estesa (3.700 metri quadri) con:

  • due campi da basket e pallavolo;
  • un campo da calcio;
  • due lunghi scivoli a forma di brontosauro;
  • una superficie cintata di 2.500 mq destinata ai cani. 

 

Il primo campo da basket coperto della città

Il primo campo da basket coperto della città si trova nel Parco La Spezia, ricavato dal Padiglione Coca-Cola a Expo 2015. Per non disperdere il patrimonio è nato un progetto ad hoc: ParkMI. Consultabile sul sito www.progettoparkmi.com, riportiamo di seguito la scheda di presentazione:

ParkMI è un progetto, ideato dal Centro Sportivo Italiano Comitato di Milano  in risposta al bando del Municipio 6 del Comune di Milano,  che prevede attività ricreative, ludiche e sportive per la cittadinanza.

ParkMI, grazie al contributo non condizionato di The Coca-Cola Foundation, a partire dal 15 settembre 2018 fino al 31 dicembre 2019 animerà la struttura coperta del parco La Spezia nel quartiere di Famagosta, precedentemente Padiglione Coca-Cola a Expo 2015 e donato alla città di Milano per realizzare il primo campo da basket coperto della città.

Il progetto ParkMI 2018-2019 prosegue l’esperienza realizzata nel 2017, con tante innovazioni:

  • 195 giornate e 700 ore di attività
  • Più di 20.000 utenti previsti, con progetti dedicati ai bambini, ai giovani, alle famiglie, ai disabili, agli anziani, che verranno coinvolti in iniziative dinamiche e coinvolgenti

Nella scorsa edizione, in soli 6 mesi di progetto sono stati coinvolte oltre 25.000 persone e 15.000 ragazzi protagonisti delle tante iniziative di aggregazione e socializzazione che hanno animato il Parco e il quartiere: dai laboratori ludico-didattici ai tornei di street basketball, dalle mostre alle giornate di sport e animazione.

 

ParkMi è…

Educational: laboratori, spettacoli e incontri tematici dedicati alla socializzazione, all’inclusione, all’arte e alla cultura.

Animation: giornate di gioco e animazione dedicate alla famiglia

Climbing: da quest’anno ci sarà una parete di arrampicata sportiva, una nuova attività da provare insieme ad istruttori qualificati.

Integration: giornate evento dedicate all’integrazione, che saranno realizzate in collaborazione con Caritas Ambrosiana, con alcune associazioni sportive del CSI Milano che hanno accolto alcuni rifugiati minori non accompagnati e con squadre richiedenti asilo. 

Wellness: corsi gratuiti di ginnastica dolce, ginnastica posturale, tai chi, yoga, pilates, zumba, zumba kids e psicomotricità.

For All: eventi dedicati a tutta la cittadinanza con il coinvolgimento attivo delle associazioni del territorio.

Sportday: eventi e giornate sportive per tutta la cittadinanza.

Skating: dal 7 dicembre al 6 gennaio sarà realizzata una pista di pattinaggio in ghiaccio nell’area del campo da basket scoperto a titolo gratuito.

 

Music&dance: eventi di musica e ballo per tutti.

Ci saranno tornei di sport, giornate di giochi e animazione, corsi di ginnastica dolce, serate musicali e da ballo, laboratori, spettacoli, incontri aperti a tutti, oltre ad eventi dedicati a persone diversamente abili o con fragilità.